News

Novità » Article

I 40 anni dei martelli Rammer (con audio)

Il primo martello idraulico Rammer S800 operativo in Finlandia nel 1978. Al momento del suo lancio sul mercato nello stesso anno era il martello idraulico più grande a livello mondiale. La lettera «S» nella denominazione del modello fa riferimento a Timo Sippus, l’ingegnere responsabile dello sviluppo della macchina.

I martelli idraulici di Rammer si sono affermati rapidamente nell’industria edile svizzera. Qui, presso l’azienda Eberhard.

Tecnologia leader sul mercato dei martelli idraulici: il sistema di fissaggio VIDAT, dotato di tiranti antivibranti.

Dettagli sulla storia dei martelli idraulici e sulla collaborazione con Avesco nel Podcast con Stefan Gübeli (7:25 min, dialetto svizzero tedesco).

I martelli idraulici di Rammer compiono gli anni: fondata 40 anni fa, l’azienda di origine finlandese imprime il suo marchio al settore delle macchine edili con le sue innovazioni. Anche in Svizzera.

«Rammer è stato uno dei fornitori leader del mercato dei martelli idraulici fin dai suoi esordi», afferma Stefan Gübeli, responsabile dei prodotti Rammer presso Avesco.

Rammer festeggia oggi i 40 anni dalla fondazione dell’azienda. Tutto ebbe inizio nel 1978 in Finlandia. Più tardi Rammer venne integrata nel gruppo svedese Sandvik, al quale appartiene ancora oggi.


Collaborazione tra Avesco e Rammer

La collaborazione tra Avesco e Rammer inizia nel 1998. A quell’epoca Avesco aveva rilevato la divisione della Tecnica di costruzione della ditta SIG di Neuhausen, di cui faceva parte il settore Rammer, diventando così il concessionario svizzero per i martelli idraulici di questa marca.

La nascita di Rammer alla fine degli anni Settanta ha avuto luogo in un periodo in cui gli escavatori idraulici conoscevano uno sviluppo notevole in termini di tecnologia e performance. «Ci si è resi conto che le rocce potevano essere lavorate meglio, e soprattutto in modo più economico, con dei martelli idraulici piuttosto che con il brillamento o gli attrezzi pneumatici», spiega Stefan Gübeli. In questa prima fase dei martelli idraulici la ditta Rammer era già operativa.


Invenzione del martello insonorizzato per il malcontento dovuto al rumore

Lo sviluppo del martello insonorizzato ha rappresentato un tappa importante nella storia di Rammer. I martelli idraulici hanno avuto per un certo periodo di tempo dei problemi d’accettazione a causa del loro rumore. Anche in Svizzera. Stefan Gübeli: «Nella città di Zurigo alcuni cantieri troppo rumorosi hanno alimentato l’insofferenza nei confronti di queste macchine. All’inizio si utilizzarono coperture di materiale insonorizzato per imballare provvisoriamente i martelli». Nel 1991, quando Rammer lanciò sul mercato il martello insonorizzato con il nome di «City Hammer», questi mezzi di fortuna sparirono in pochissimo tempo.


VIDAT: «Un sistema all’avanguardia sul mercato»

Gli sviluppi di Rammer hanno fatto sensazione anche più recentemente. Nel 2010 venne lanciato il nuovo sistema di fissaggio VIDAT, dotato di tiranti antivibranti. «Un sistema brevettato grazie al quale Rammer è oggi il leader assoluto del mercato internazionale», precisa Stefan Gübeli.

Un’altra novità è prevista fra breve: la nuova serie di modelli Performance sarà lanciata sul mercato svizzero all’inizio di gennaio 2019.


Dettagli sulla storia dei martelli idraulici e sulla collaborazione con Avesco nel Podcast con Stefan Gübeli.
Podcast (7:25 min, dialetto svizzero tedesco)